Fonseca: “Manchester-Roma è la gara più importante della mia carriera“

Fonseca: “Manchester-Roma è la gara più importante della mia carriera“

ROMA - Manca sempre meno all’attesissimo match contro il Manchester United, valido per la semifinale d’andata di Europa League. Il tecnico della Roma Paulo FONSECA ha raccontato le sue sensazioni ai microfoni di Espn. 

È LA PARTITA PIÙ IMPORTANTE DELLA SUA CARRIERA? “Sì, certo. E siamo entusiasti. È una grande opportunità prima di tutto per il club, ma anche per la città e per i giocatori. Non tutti hanno la possibilità di affrontare il Manchester United in una semifinale europea”.

SUGLI INFORTUNI E I PROBLEMI STAGIONALI. “È stata una nuova esperienza per me e sì, è stato difficile gestire tutte queste situazioni. Gli infortuni sono particolarmente difficili da gestire, soprattutto perché sono arrivati ??in momenti cruciali, come quello di Mkhitaryan. E, naturalmente, noi giochiamo ogni tre giorni. Aggiungo anche che la Serie A è un campionato difficile e competitivo, dove stiamo lottando con altre sette squadre per un posto tra i primi quattro. Ed eravamo tra i primi quattro fino agli ultimi infortuni di marzo, così abbiamo mollato. Quindi questo trofeo, per noi, è molto importante”. [Roma, esce la squadra da Trigoria: tifosi in delirio] Guarda il video Roma, esce la squadra da Trigoria: tifosi in delirio

SULLO STILE DI GIOCO. “Non mi piace giocare in profondità e aspettare il contropiede. A volte può capitare, come contro l’Ajax nel ritorno dei quarti di finale, ma non è il mio stile di gioco. Il Manchester ha tanti giocatori d’attacco forti come Edinson Cavani, Marcus Rashford, Mason Greenwood, Daniel James, che è molto veloce. Questi sono giocatori straordinari che possono decidere il risultato di una partita in una situazione, in un secondo. Quindi dobbiamo essere preparati, ma, devo confessare, non possiamo andare a Manchester solo per difendere. Dobbiamo avere la palla, dobbiamo avere l’iniziativa, dobbiamo avere il coraggio di uscire e giocare contro il Manchester United. La chiave è non lasciarci attaccare in velocità e difenderci lontano dalla nostra area”.

TI PIACE MANTENERE UNA LINEA DIFENSIVA PIÙ ALTA, TENERE LA PALLA E DIFENDERE ALTO SUL CAMPO, MA TI È ANCHE COSTATO CARO IN ALCUNE PARTITE E SPESSO HAI INCOLPATO GLI ERRORI INDIVIDUALI. “Molte volte i problemi non sono arrivati perché altre squadre hanno creato situazioni contro di noi. È perché abbiamo sbagliato, perdendo palloni nella prima fase di possesso. Abbiamo pagato quegli errori più a caro prezzo rispetto a quanto avremmo dovuto. Perché sì, facciamo un tipo di gioco rischioso, ma alla lunga andare credo che abbia successo”.

BRUNO FERNANDES È UNO DEI GIOCATORI CHIAVE DELLO UNITED. SEI RIMASTO SORPRESO DAL FATTO CHE ABBIA RICEVUTO MOLTE ATTENZIONI SOLO QUANDO SI È TRASFERITO ALLO SPORTING? NORMALMENTE TALENTI COME IL SUO VENGONO INDIVIDUATI ALL’INIZIO DI UNA CARRIERA.  “Bruno è fantastico, per quello che ha fatto allo Sporting e per quello che sta facendo allo United. È arrivato un po’ in ritardo, ma ha imparato tanto prima dello Sporting, crescendo in Italia. Quello che trovo notevole è la sua personalità. Ha molte qualità, ma è anche un leader, un combattente ed è intelligente. Non mi sorprende che dal momento in cui è arrivato allo United sia diventato un leader di quella squadra”. [Roma, i giocatori si affacciano da Trigoria per salutare i tifosi!] Guarda il video Roma, i giocatori si affacciano da Trigoria per salutare i tifosi!

COME MAI NON È STATO SCOVATO PRIMA?  “Devo confessarlo, non è facile dare opportunità ai giovani quando sei in una grande squadra con grandi aspettative. C’è molta pressione, hai bisogno di un giovane giocatore con il giusto carattere. Da noi c’è Zaniolo, per esempio. È coraggioso, volitivo. Ecco perché non si vedono molti giocatori giovani che giocano regolarmente per grandi squadre. Ma dipende dal carattere dell’individuo. Quando vedo un ragazzo con carattere e personalità che si adattano al suo talento, la sua età non mi importa”.

NELLE ULTIME PARTITE DELLO UNITED, ABBIAMO SPESSO VISTO PAUL POGBA GIOCARE LARGO A SINISTRA IN UN 4-2-3-1, PIUTTOSTO CHE COME UN CENTROCAMPISTA TRADIZIONALE IN UN DUE O UN TRE. È L’ETERNO DIBATTITO TRA INDIVIDUI E SISTEMI. QUAL È IL TUO PUNTO DI VISTA?  “Entrambi sono importanti, certo, ma il sistema deve sempre rispettare le qualità e le caratteristiche dei giocatori. Se Pogba è in quel ruolo, lo giocherà in modo diverso rispetto a un esterno tradizionale. La dinamica cambierà, per la sua squadra e per l’avversario. In questo momento il gioco sta diventando sempre più strategico, i manager stanno apportando sottili cambiamenti partita dopo partita per cercare di ottenere un vantaggio. Ed è la cosa giusta da fare. Dovresti affrontare ogni partita in modo leggermente diverso. Dovresti cercare di creare dubbi nella mente dell’altro manager”. [Roma, tifosi in delirio a Trigoria: ecco lo spettacolo di fumogeni e bandiere] Guarda la gallery Roma, tifosi in delirio a Trigoria: ecco lo spettacolo di fumogeni e bandiere

Ultima domanda sull’argomento di cui tutti parlano da 10 giorni: la Super League. “Quando ho visto la notizia, all’inizio ero molto preoccupato, ma ora sono molto orgoglioso, orgoglioso di far parte del calcio. Penso che abbiamo dato un grande esempio al mondo, alla società. La cosa più importante sono i tifosi. Capisco che i club più grandi vogliono più soldi, ma sono anche quelli che spendono di più. Sono loro che pagano 100 milioni di euro per i giocatori. E questo crea un problema per i club più piccoli. È egoismo da parte loro. Quindi ringrazio i tifosi, i giocatori, gli allenatori, tutti coloro che si sono opposti. Se la Super League fosse accaduta, avrebbe potuto uccidere il vero calcio. E penso a quello che è successo in Inghilterra, vedere i tifosi per strada, far sentire la loro voce, ed è stato fantastico. Sono così orgoglioso di loro e devo dire grazie”.

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/europa-league/2021/04/28-81212001/fonseca_manchester-roma_e_la_gara_piu_importante_della_mia_carriera_/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: