Roma, il progetto top club dei Friedkin: da Mourinho a Pinto, i dettagli

Roma, il progetto top club dei Friedkin: da Mourinho a Pinto, i dettagli

La ROMA è già nel futuro. La società sta lavorando per diventare stabilmente competitiva. Le strategie di mercato, l’interazione tra i vari dipartimenti della società, tutto sempre con l’avallo dell’allenatore. L’importanza del settore giovanile, che già adotta criteri per tenere alta la percentuale degli italiani nel vivaio, per valorizzare i giovani del territorio. Scopriamo come è cambiato il modo di lavorare in questi mesi a TRIGORIA, per un processo che richiede tempo, come hanno ricordato MOURINHO e TIAGO PINTO. I FRIEDKIN hanno affidato alla direzione sportiva un progetto ad ampio respiro. Il mandato della proprietà a Tiago è stato quello di riorganizzare tutti i dipartimenti. Basti pensare che appena arrivati i nuovi proprietari hanno perso una partita a tavolino perchè erano state compilate male le liste. Le figure che hanno lavorato prima di Pinto a Trigoria erano molto accentratrici. Quando la Roma è rimasta senza direttore sportivo FIENGA ha dovuto improvvisarsi tale, ma sapeva che lo faceva solo pro tempore. Sul mercato è andato sul sicuro, si è affidato a procuratori che gli presentassero soluzioni pronte. Pinto ha dovuto fare una riflessione più profonda. Ha potenziato la segreteria sportiva e l’ha affidata a MAURIZIO LOMBARDO. [Roma, anche Tiago Pinto all’allenamento: colloquio con Mourinho] Guarda la gallery Roma, anche Tiago Pinto all’allenamento: colloquio con Mourinho

IL SETTORE GIOVANILE

È l’emblema di come lavora Tiago. Ha valorizzato un gruppo di giovani e ha costruito intorno a loro una struttura che poi è stata estesa ad altri ragazzi: un preparatore atletico, un medico, un nutrizionista. E un addetto stampa, per abituarli a fare interviste. Parliamo di ZALEWSKI, BOVE, DARBOE e di tutti i giovani che si sono affacciati in prima squadra, da VOLPATO a MISSORI e altri. Ogni settimana sono stati prodotti report specifici per questi ragazzi e sono stati aggiornati i programmi di lavoro, per favorire la crescita e l’ambientamento. Si è lavorato sui valori della massa magra, sui chilometri percorsi in partita o in allenamento. Nello staff è previsto anche il team manager, che ha valutato i ragazzi dal punto di vista comportamentale. Tutti beneficiano di questo supporto. Con l’arrivo di VINCENZO VERGINE, uno che dal settore giovanile ha tirato fuori CHIESA, VLAHOVIC e BERNARDESCHI, si è lavorato per privilegiare la formazione di ragazzi provenienti dal territorio. La Roma non rinuncerà agli stranieri, ma l’obiettivo principale è formare giovani del territorio. Per questo la figura di BRUNO CONTI è importante, per rinsaldare i rapporti con il florido bacino del LAZIO. Il settore giovanile ha un responsabile, Vergine, poi CONTI, con l’attività di scouting nella regione e LO SCHIAVO, che fa il lavoro di Bruno su scala nazionale e internazionale. I ragazzi che si stanno imponendo in prima squadra, Zalewski e Bove, sono quelli che sono stati formati nel club.

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/roma/2022/03/26-91277745/roma_il_progetto_top_club_dei_friedkin_da_mourinho_a_pinto_i_dettagli/

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: