Papa Francesco benedice la Chapecoense, venerdì l'amichevole con la Roma

Papa Francesco, nel corso dell'udienza generale, ha salutato i dirigenti e i calciatori della Chapecoense, presenti oggi in Piazza San Pietro, in vista dell'amichevole che vedrà opposto la squadra brasiliana alla Roma venerdì sera allo Stadio Olimpico. L'incontro di oggi avviene a quasi un anno dell'incidente aereo nel quale hanno perso la vita quasi tutti i componenti della squadra e dello staff tecnico del club brasiliano, nel viaggio che li stava portando a disputare la finale di andata della Copa Sudamericana. L'incasso dell'amichevole di venerdì con la Roma e altre attività saranno devoluti a sostegno della Chapecoense. Il Papa ha salutato e abbracciato anche alcuni familiari degli scomparsi nell'incidente aereo dell'anno scorso, benedicendo le loro fotografie. Ha quindi stretto la mano ai dirigenti del club, ai membri dello staff tecnico e ai calciatori, ricevendo in dono un pallone con i colori della Chapecoense. Infine la classica foto-ricordo con il gruppo, circa 85 persone. 

Lo scorso 19 agosto Plinio David de Nes Filho, il presidente del club brasiliano, ha scritto una lettera a Urbano Cairo, suo collega al Torino, la squadra che "può comprendere la sciagura vissuta dal nostro club, visto che nella vostra storia avete subito la stessa tragedia". L’obiettivo della lettera era quello di organizzare un incontro fra i due club. Cairo, che sarà rappresentato a Roma dall’ex romanista Antonio Comi, oggi direttore generale della società granata, ha annunciato nella risposta un impegno: "Tra fine novembre e inizio dicembre, in una partita di campionato, il Torino giocherà con una maglia in ricordo della Chapecoense: per non dimenticare, per esservi vicini. Sarà il nostro contributo alle famiglie di una squadra che riparte. Torino e Chapecoense, uniti dal destino, per sempre amici".