Calciomercato, il Genoa su Taider: no del Bologna

Calciomercato, il Genoa su Taider: no del Bologna

BOLOGNA - Il Genoa ci ha provato, il Bologna ha detto no: Taider resta dov'è. Ieri il Grifone ha fatto un sondaggio, offrendo in cambio lo svedese Hiljemark e un conguaglio economico, ma il ds Bigon ha rimpallato la propoista. Ma la trattativa - partita e subito abortita - è la dimostrazione che nelle ultime quarantotto ore del mercato ci si muove a raglio, con frenesia, e tutto può succedere. Intanto il Bologna ha bloccato Keita, il 22enne esterno sinistro nato maliano e sta ragionando sul da farsi. Il tesseramento è una possibilità concreta, perché Keita - che ha chiuso la stagione con il Birmingham - non andrebbe a incidere negli equilibri della lista. Tutto sarebbe più facile se uscisse Krafth. Qualche offerta c'è, ma dalla serie B e Krafth, che è nel giro della nazionale svedese, di scendere nel torneo cadetto non ne ha per niente voglia.

IL CENTROCAMPO - Rigoni continua ad offrirsi al Bologna, ma a meno di clamorosi colpi di coda nel finale del mercato, non se ne farà nulla. In mezzo al campo il Bologna è a posto così com'è, come dimostra la volontà di trattenere Taider. E Masina? Ieri c'è stato un altro contatto tra il Bologna e l'agente. Il rinnovo proposto è sul tavolo, ma l'entourage di Masina aspetta che il Siviglia alzi l'offerta. C'è poco tempo, però. E ormai a Casteldebole sono convinti che Masina alla fine resterà. Crisetig è al bivio: restare e giocarsela o andare altrove?