Nainggolan e il Belgio: 'Prima il bere, poi il fumo. Lasciano a casa sempre me'

Non convocato da Roberto Martinez, ct del Belgio, Radja Nainggolan aveva pensato in un primo momento di dire addio ai Diavoli Rossi. Oggi, però, il centrocampista della Roma fa un passo indietro, e lo rivela in un'intervista al portale hln.be: "Come ho affrontato la mancata convocazione? Fa male. Soprattutto il motivo è difficile da digerire. Alla fine c’è sempre qualcosa che non va. Una volta è perché bevi, poi perché fumi e ora la mia concentrazione non sarebbe abbastanza buona. Sembra che c’è sempre un altro problema con me. Sempre. E ogni volta riguarda cose extra sportive".

Hai visto la tua non convocazione?
"Davvero no. Quando ho sentito il mio telefono suonare venerdì mattina, sapevo che era arrivato il momento. Lui (Roberto Martínez ndr.) ha detto che non ho mostrato abbastanza attenzione durante la precedenti partite. Non capisco cosa intenda con questo, perché se una cosa non mi manca è la concentrazione. Lo ho anche detto ma è chiaro che aveva già preso la sua decisione".

Il giorno della sfida contro l’Estonia è arrivato troppo tardi alla riunione tecnica.
"Un minuto. Ma è vero, sì, ero in ritardo. Ho commesso un errore, ma non penso che non sia una scusa per non chiamarmi adesso. Non intendo fare nomi qui, ma non è la prima volta che qualcuno è venuto in ritardo".

"La riunione tecnica di Martinez dura solo 8-10 minuti. Quindi, chi perde 2 minuti in ritardo perde molto", ha detto il direttore tecnico Chris Van Puyvelde.
"Innanzitutto non sono arrivato con due minuti di ritardo. L’allenatore aveva appena iniziato la sua riunione poi ha detto: «Torna fuori, tu»".

L’allenatore aveva avvisato un giorno prima perché alcuni giocatori hanno spesso in ritardo.
"È vero. Disse che non importava chi fosse arrivato in ritardo, avrebbe comunque iniziato dal divano. Voleva dare una dimostrazione. Adesso sono sul divano, ma non mi interessa. Tutto questo si poteva risparmiare?".

Se tu fossi allenatore, cosa avresti fatto?
"Un minuto non è la fine del mondo eh. A volte qualcuno è arrivato troppo tardi e tutto questo è stato visto (Ride). Ora, sembra che sono l’unico che sia mai arrivato in ritardo".

Ora pensano tutti che Radja Nainggolan sia un ragazzo difficile.
"Quell’immagine si è creata. Esattamente quella di un ribelle. E credimi, non sono affatto l’unico calciatore a fumare. (A modo mio) sono solo stanco. Non nascondo di provare vergogna per quello che faccio. A proposito, nonostante il mio stile di vita, do sempre il 120 per cento sul campo. Questa è la cosa più importante no? Io dico quello che penso, anche se non sempre è giusto. Ma se qualcuno vuole chiarire qualcosa che mi riguarda, sono pronto per lui. Chiamami e scendo".

Roberto Martínez non vuole stare con te in una Coppa del Mondo per cinque settimane?
"Non lo so. Tuttavia, non c’è motivo di lasciarmi a casa perché la mia performance a Roma è buona. E i miei compagni di squadra sanno che non sto creando alcun problema. Ora, naturalmente, non possono andare contro l’allenatore".

Hai ricevuto un messaggio da altri tuoi compagni di Nazionale?
"Ho letto quello che hanno detto su di me negli ultimi giorni e li ho ringraziati per questo, è stato molto confortante. Le loro risposte mostrano anche che non sono problemi fondamentali".

Forse non si inserisce nel sistema di gioco di Martínez.
"Se questo è il problema, deve solo dirlo".

Sceglie i giocatori tatticamente disciplinati.
"Dopo tredici anni in Italia ho una grande esperienza in termini di tattica, penso. Non ho mai avuto problemi, anche con Luciano Spalletti, tatticamente un allenatore molto forte. Non so da dove provenga questa storia, che non sarei disciplinato tatticamente. Ho giocato partite molto buone in Belgio, ma anche due e tre in mezzo al campo. A proposito, contro la Francia mi sono sacrificato per la difesa e ho segnato da 30 metri. Tielemans è un ottimo giocatore di calcio per me. Anche Witsel. Ma è principio. L’allenatore aveva detto che dobbiamo giocare nei nostri club, nelle competizioni più importanti. Ora parla a se stesso convocando loro e non me. E fa male. Se dico domani che la palla è gialla, rimarrà gialla. Con lui la palla è invece diventa improvvisamente rossa. Sto vivendo un momento difficile per questo".

Stai programmando di chiamare l’allenatore?
"No, no. Perché dovrei chiamarlo?"

Perché ha detto lunedì, “Radja è un calciatore eccezionale, ma...”
"Cosa significa questo? Sarà sul mio comportamento. Che io possa fumare un’altracosa invece di due sigarette".

Avete già avuto una conversazione a novembre
"Mi sentivo solo al 30 per cento di forma. Ho scelto di rimanere a Roma per lavorare sulla mia condizione. E sì, ho giocato una partita amichevole contro l’U19. Quella era un’amichevole. Per il Belgio era esattamente un incontro ufficiale".

Tieni presente che puoi perdere la tua seconda Coppa del Mondo?
"Sto cominciando a temere. Quando non sono andato in Brasile, è stato molto difficile. Ho potuto solo digerire la scelta. Dovesse riaccadere in Russia sarebbe veramente dura. La Champions League e la Coppa del Mondo sono le due cose più belle che un calciatore professionista può giocare. Non voglio avere il rimorso per non aver partecipato":

Che ne dici del tuo futuro con i Diavoli Rossi? Hai già preso una decisione?
"Non mi fermo. Anche se devo ammettere che ci ho pensato seriamente a lasciare. Dopo una conversazione con il direttore sportivo dell’AS Roma ho deciso di restare a disposizione. “Devi giocare la Coppa del Mondo”, mi ha detto. “Guarderò il match contro la Grecia”. Mi ha detto che la Grecia andrà alla Coppa del Mondo come club vincitore del girone. Gli ho detto che non sarebbe mai accaduto, ma secondo lui, il Belgio non vincerà in Bosnia se perderà in Grecia".